Al momento stai visualizzando Come scrivere un romanzo storico: i consigli di Francesca Thellung di Courtelary
Copertina de Il Medico di Istanbul, edito da Giunti

Come scrivere un romanzo storico: i consigli di Francesca Thellung di Courtelary

Come si scrive un romanzo storico? Abbiamo chiesto qualche consiglio alla scrittrice Francesca Thellung di Courtelary, autrice del romanzo Il Medico di Istanbul, edito da Giunti. 

Per scrivere un romanzo storico avvincente e credibile occorre destreggiarsi con abilità metodologica tra realtà e finzione, storia e metastoria. Secondo Francesca, “non esiste una regola universalmente valida“, come spesso accade nell’ambito dell’arte e della letteratura. Tuttavia, alcune strategie possono aiutarci a ottenere un’opera godibile e un prodotto commercialmente valido.

La parola a Francesca:

Ecco qualche consiglio pratico sulla base della mia personale esperienza.

Scegli il personaggio giusto

Scegli un fatto o un personaggio storico di cui desideri parlare. Deve stimolare la tua fantasia, farti venire voglia di approfondire, di ricamarci sopra. Nel mio caso, il nucleo tematico che mi ha colpita è l’incredibile parabola discendente di Melchiorre Guilandino: da medico illustre a schiavo ai remi. 

Ricostruisci la realtà 

Verifica cosa stava succedendo in quel periodo, partendo da luoghi e persone vicini al tuo personaggio e allargando via via il cerchio. Le date sono molto importanti, perché ci permettono di incrociare personaggi contemporanei tra loro. Io ho preso in esame la cerchia di amici/nemici di Guilandino a Padova; ho approfittato del fatto che le date della sua partenza per l’Oriente coincidessero con le scorrerie dei corsari nel Mediterraneo. Infine la corrispondenza cronologica mi ha permesso di incrociare le vicende di Guilandino con quelle di un altro personaggio dell’epoca, Uluch Alì, che ha compiuto una parabola di segno opposto rispetto a quella del protagonista: da poverissimo contadino calabrese a ricchissimo ammiraglio ottomano. 

Mappa gli eventi cronologicamente

Ti consiglio di appuntarti tutti i personaggi che hai trovato, con le date e i ruoli che li riguardano. Dovresti utilizzare i dati storici come un ordito e la fantasia come una trama da intrecciarvi sopra, in modo da ottenere un disegno finale che sia il più possibile completo. Non ci sono informazioni certe su dove sia stato Guilandino durante la sua prigionia, quindi sono partita dall’evidenza storica della sua cattura da parte dei pirati per passare poi a uno scenario di fantasia, che ipotizza una lunga permanenza del protagonista a Istanbul. 

Dai un taglio cinematografico al testo

Il pericolo che si corre quando si crea un romanzo storico è quello della noia, quindi ti consiglio di dare al tuo testo un taglio “cinematografico”, descrivendo le vicende dei diversi personaggi in brevi capitoli alternati, che magari si interrompono nei momenti cruciali dell’azione, per riprendere in seguito dal momento esatto in cui il lettore era rimasto. Nel mio caso alterno scene di Guilandino alla corte del sultano con altre che riguardano, ad esempio, il suo amico Abdul al mercato degli schiavi. 

Ultime raccomandazioni

Un romanzo non è un saggio accademico, quindi l’inventiva va benissimo, ma fate in modo che i fatti storici che utilizzate siano corretti e documentati. Chiarite bene, alla fine del libro, quali fatti siano storicamente attestati e quali invece siano frutto della vostra creatività, scusandovi con i lettori per eventuali imprecisioni. Come ho fatto io nella nota finale. 

E soprattutto, ricordatevi di divertirvi: solo così riuscirete a divertire anche il lettore. 

Buon lavoro!

Grazie Francesca! 

Potete acquistare il romanzo storico “Il Medico di Istanbul” di Francesca Thellung di Courtelary, edito da Giunti, sia nello store dell’editore – dov’è attualmente in promozione – che su Amazon, a questo link.

Francesca Thellung con il giornalista dell'Ansa Martino Iannone

Lascia un commento